L'INCANTO DI UN SORRISO

Fase I (Terapia intercettiva)

La terapia intercettiva (o fase I) ha lo scopo di correggere disarmonie prevalentemente di natura scheletrica che, se non trattate tempestivamente, possono evolvere e aggravarsi nel corso del tempo. I principali obiettivi di tale terapia sono rappresentati da: armonizzare la crescita scheletrica, favorire l’eruzione di tutti i denti permanenti ed eliminare eventuali abitudini viziate.
Questa fase di trattamento viene di norma condotta ad un età compresa tra 6 e 9 anni ed ha una durata limitata (intorno ad 1 anno); successivamente viene seguita da una fase di monitoraggio con controlli periodici: talvolta, in questo intervallo di tempo, può risultare indicata la rimozione strategica di denti decidui per velocizzare o favorire l’eruzione dei corrispondenti denti permanenti. Dopo il completamento della permuta, viene stabilito se sia necessaria o meno una seconda fase di trattamento (fase II).

Soltanto un numero limitato di casi richiede una terapia intercettiva (quindi un trattamento ad un’età precoce): l’indicazione a tale intervento viene data ai genitori dal Dottore nel corso della prima visita (Percorso diagnostico). Consigliamo comunque di portare al più presto il bambino in studio, in modo particolare nel caso sia presente una delle seguenti maloccusioni/condizioni:
-Crossbite monolaterale posteriore (Malocclusioni frequenti nel bambino)
-Crossbite bilaterale posteriore (Malocclusioni frequenti nel bambino)
-Crossbite anteriore (Malocclusioni frequenti nel bambino)
-Overjet >8mm (Severa classi II divisione I) (Malocclusioni frequenti nel bambino)
-Abitudini viziate perpetuate nel tempo (succhiamento del dito, uso del succhiotto, interposizione del labbro inferiore, ecc.)
-Perdita precoce di denti decidui o eruzione tardiva di denti permanenti
-Dimensione dei denti non proporzionata alle strutture adiacenti

Alla fine della terapia intercettiva i denti non occuperanno la loro posizione definitiva: sarà necessario attendere il completamento della permuta (con l’eruzione di tutti i denti permanenti) per procedere, se necessario, con la fase II, e raggiungere tutti i restanti obiettivi del trattamento ortodontico.

Richiedi informazioni